La vera storia di Halloween

Inizialmente festa celtica, oggi Halloween è conosciuta in tutto il mondo

0
140
halloween

Scopriamo insieme tutti i segreti della festa più paurosa e divertente dell’anno: Halloween. Perché si festeggia proprio il 31 ottobre?

La festa di Halloween

La festa di Halloween viene festeggiato il 31 ottobre per un motivo ben preciso: separare il periodo estivo da quello invernale.

L’origine è celtica, infatti, queste popolazioni festeggiavano l’antico Samhain, una sorta di capodanno. Per i celtici l’arancione simboleggiava i campi mentre il nero rappresentava l’inverno.

Quando i Romani identificarono il Samhain con la loro festa dei morti spostarono i festeggiamenti nel mese di maggio. Grazie a papa Bonifacio e la sua opera di cristianizzazione, secoli dopo, portarono di nuovo quella ricorrenza al 31 ottobre facendola unire con la festa di Ognissanti, che cade ogni 1 novembre.

Lasciare in omaggio ai morti

Lasciare in omaggio ai morti era premura dei Celti durante la notte di Samhain. Generalmente si trattava di un’offerta di cibo poiché volevano evitare che i deceduti facessero loro dispetti insieme a fate e elfi.

Da qui, nasce l’usanza americana di Dolcetto o scherzetto?. Per evitare la sfortuna bisogna bussare a 13 porte diverse e porre 13 volte la domanda inevitabile: Trick-or-treat?.

Le zucche intagliate

Le zucche intagliate sono di origine irlandese e venivano chiamante Jack-o’-lantern, le lanterne di Jack. La storia narra che Jack Stringy, un fabbro, avesse il vizio di bere.

Questi, per pagare tutti i suoi debiti, vendette l’anima al diavolo. Quando Jack morì, proprio nella notte di Halloween, fu cacciato sia dal paradiso che dall’inferno. Jack quindi andò peregrinando tra il paradiso e l’inferno con un tizzone ardente che pose dentro una zucca cava.

SHARE