Alzheimer: la sonnolenza aumenta i rischi

0
442
Alzheimer

In futuro c’è la possibilità di soffrire di Alzheimer a causa della sonnolenza diurna. Un nuovo studio ha evidenziato ci sia una netta correlazione tra l’Alzheimer e il riposo diurno.

I campanelli d’allarme

I campanelli d’allarme possono essere associati ai disturbi del sonno. Si rischia di avere la possibilità in futuro di soffrire di Alzheimer ed avere così un quantitativo più elevato della proteina che porta ad avere la demenza senile rispetto a chi non dormiva durante il giorno.

Molte persone, purtroppo si ammalano di Alzheimer oltre il 60-70% per un totale di 50 milioni di persone in tutto il mondo, in prevalenza sono le donne. Il 3 novembre 2020, Gerd Müller, il leggendario attaccante tedesco, che ne soffriva, è morto.

La ricerca è italiana

La ricerca è italiana sul rapporto tra Alzheimer e sonnolenza, effettuata su 123 volontari, è stata edita sulla rivista Sleep, e condotta presso il National Istitute on Aging. Lo studio ha proprio evidenziato come la proteina nociva beta-amiloide, quella che provoca l’Alzheimer come già detto, si accumula in quantità maggiore nei soggetti che amano riposare durante le ore diurne o che hanno disturbi del sonno.

Proprio questi accumuli nel cervello della proteina tossica hanno fatto porre la domanda ai ricercatori del National Istitute on Aging, che hanno scoperto proprio che la sonnolenza diurna può portare al rischio di soffrire della malattia mentale. Un campanello d’allarme che non può rimanere inascoltato e  per poter trattare in tempo la malattia, per contrastare questo fenomeno e i primi sintomi dell’Alzheimer bisogna sottoporsi a PET e screen periodici.

SHARE