Bimbo in viaggio: i consigli per le mamme viaggiatrici

0
696
bimba viaggio

Bimbo in viaggio

Mamme, non rinunciate a far conoscere il mondo al vostro bimbo! Sicuramente esistono mamme classificabili sotto varie tipologie: l’iperprotettiva, a cui spaventa partire con il bimbo in viaggio, la mamma rilassata, che sceglie solo strutture con super confort, in cui ricostruire per il proprio figlio l’habitat domestico e la mamma Indiana Jones che, impavida, parte allo sbaraglio e all’avventura con la stessa voglia di scoprire che possedeva prima di aver generato una creatura.

A qualsiasi tipologia di madre apparteniate, dovete tenere a mente alcune accortezze da seguire per non trovarvi sprovvedute durante un viaggio intrapreso.

Accortezze utili per mamme viaggiatrici

Se deciderete di avventurarvi in un viaggio con il vostro piccolo esploratore, acquistate un biglietto aereo che preveda un’assicurazione per l’annullamento viaggio con rimborso, un’ assicurazione sanitaria, che possa prevedere la copertura di almeno parte delle spese mediche che dovrete sostenere in caso di malattia sopraggiunta.

Una mamma decisamente pragmatica non dimenticherà in valigia il kit di pronto soccorso, in cui non potranno mai mancare un antipiretico, un antibiotico ad ampio spettro, un medicinale per la diarrea del viaggiatore, fermenti lattici, dei cerotti per sbucciature frequenti e salviette disinfettanti umidificate. Per ridurre lo spazio da occupare in valigia, si possono prendere solo i blister, eliminando la scatola esterna.

Prima di partire per mete esotiche, consultate sempre la pediatra, cosicchè potrà indicarvi medicinali indispensabili da non dimenticare e potrete portar via eventuali prescrizioni mediche necessarie, qualora il vostro bimbo soffra di patologie per le quali vi siano assunzioni quotidiane da assolvere. Se nel territorio in cui andate imperversano malattie entemiche, dovete far seguire a vostro figlio profilassi e vaccini da effettuare doverosamente.

Se vi recate in zone tropicali, massima attenzione anche per attacchi di zanzare dalla puntura virulenta; fate indossare ai vostri bambini braccialetti antipunture, non fate mai mancare antistaminici nel vostro marsupio da viaggio, evitate indumenti che lascino troppe parti del corpo scoperte.

Viaggi fai da te o viaggi organizzati?

Con i bambini è possibile organizzare viaggi fai da te? O sono preferibili viaggi organizzati?
Sicuramente dipende dalla nostra indole di mamme, quanto siamo flessibili ai cambiamenti. Dobbiamo anche preoccuparci di tenere a mente la meta in cui andiamo, se un villaggio della foresta delle Seychelles, una città della Norvegia o un villaggio all inclusive di un atollo delle Maldive.

Sono decisamnete dell’idea che bisogna non far crescere i nostri figli con i paraocchi, avendo come unico modello di vita la nostra città, il nostro cibo, la nostra religione, la nostra cultura. Un bambino che cresce comparando più culture, più paesi, tradizioni differenti, tipi di folclore diversi sarà sicuramente un cittadino migliore, open-mind, meno chiuso nel proprio guscio e più accogliente verso un mondo cosmopolita.

Spetterà a te, mamma, organizzare il viaggio che si cala più nelle esigenze di tuo figlio: potrai predisporti un viaggio fai da te, in cui nulla sarà trascurato, dagli spostamenti, agli orari dei voli più consoni per non far risentire troppo del fuso orario a tuo figlio, partendo magari da mete non eccessivamente ricche di “insidie” e di rischi legati a malattie endemiche (malaria, febbre gialla,…).

Mezzo di trasporto da scegliere

Per non restare traumatizzata dai primi viaggi in tre, potrai iniziare con mete da raggiungere in auto, mezzo di trasporto che consente di caricare in comodità tutto ciò che vuoi, di avere una casa ambulante, di poterti spostare in orari e giorni programmati evitando il bollino nero del traffico. Potrai, inoltre, optare per mete da raggiungere in treno, comodo poichè puoi ninnare il tuo bebè lungo i vagoni o fargli colorare il suo libricino preferito comodamente seduto sulla sua confortevole poltrona.

In tal caso, però, dovrai ridurre la dimensione dei bagagli e sarai vincolato ad orari delle varie compagnie, così come per l’aereo.
Mi raccomando, per i tuoi viaggi in aereo ricordati di duplicare in formato ridotto tutti i prodotti “salvavita” di tuo figlio nel bagaglio a mano, oltre che in quello da stiva (un cambio completo, qualche snack spezzafame, il suo peluche preferito, medicine indispensabili).

Anche viaggiare in camper come questa famiglia, rappresenta una valida opzione per viaggi di breve e media percorrenza con il tuo bebè a bordo; cosa c’è di più pratico che una casa viaggiante?

Il bus, invece, lo sconsiglio, vista la scomodità dell’abitacolo, spazi ristretti e difficoltà di programmazione di soste e pause prolungate, a volte utili per spezzare un lungo viaggio quando si hanno bambini piccoli.

Qualunque modalità di viaggio vogliate intraprendere, fatelo con le ali della passione di far assaporare a vostro figlio l’amore per il diverso, per l’avventura e per la scoperta.

Commenta l

SHARE
Blogger e Seo, amante della tecnologia e del web marketing, scrivo news ultim'ora per gli utenti che preferiscono di essere sempre aggiornati con le notizie del giorno.