Ventilatore o raffrescatore d’aria?

0
1382

Per abbassare le temperature interne esistono diversi metodi e strumenti. Dal classico ventilatore al condizionatore a parete, fino al raffrescatore d’aria. Quale scegliere? Ce lo spiega Laura Citti del team di https://www.condizionatoreportatile.com/ il sito n.1 dedicato ai condizionatori portatili in Italia. Se da un lato il ventilatore rimane il metodo più naturale, il raffrescatore grazie alle tecnologie utilizzate permette di abbassare le temperature in maniera ecologica. Ecco tutti i dettagli.

Le soluzioni per abbassare le temperature

Rinfrescare gli ambienti interni durante le stagioni più calde è importante per non patire l’afa. Le alte temperature mettono a dura prova le diverse attività: dall’ufficio alla produzione, fino ad un semplice riposo. Soprattutto quando gli ambienti interni si surriscaldano eccessivamente.

Come rimediare? Fortunatamente in commercio esistono diversi prodotti per abbassare le temperature interne, studiati per soddisfare le più diverse esigenze. Per un caldo sopportabile il classico ventilatore con diverse velocità potrebbe essere la soluzione ideale. In condizioni estreme è meglio preferire il condizionatore (fisso o portatile), mentre grazie alle nuove tecnologie è possibile optare per il raffrescatore d’aria.

I vantaggi del ventilatore

Il ventilatore d’aria è forse la soluzione più pratica a cui si pensa quando le temperature si alzano. Afa e umidità infatti rendono l’aria insopportabile e a volte una semplice aerazione permette di migliorare le condizioni di lavoro o di riposo. Tra i vantaggi del ventilatore:

  • praticità di installazione (serve solamente l’allaccio ad una presa o le batterie);
  • costi contenuti;
  • disponibilità di diversi modelli, dimensioni e strutture.

La possibilità di impostare diverse velocità di aerazione consente inoltre di utilizzare il ventilatore nella maniera più congeniale.

I vantaggi del raffrescatore d’aria

Il raffrescatore d’aria utilizza le più innovative tecnologie per abbassare le temperature degli ambienti in maniera ecologica. Il dispositivo preleva l’aria dall’esterno che viene filtrata da un pannello costantemente umido grazie all’evaporazione dell’acqua. La ventola presente nel dispositivo consente di re-immettere negli ambienti aria più fredda rispetto a quella prelevata. I vantaggi del raffrescatore d’aria:

  • rispetto dell’ambiente: non vengono utilizzati gas refrigeranti;
  • risparmio economico (sulle bollette);
  • facilità di installazione (non servono fori nel muro).

Ventilatore o raffrescatore d’aria? In base alle diverse esigenze è possibile scegliere tra i dispositivi di volta in volta più congeniali.

Commenta l

SHARE