Cessione del quinto dello stipendio, cos’è?

0
180
cessione del quinto

Il ricorso al mondo del credito ha riguardato una vasta fetta di italiani negli ultimi anni, riuscendo a soddisfare le esigenze in un contesto storico, come quello degli ultimi dieci anni, dove non sono mancati, purtroppo, i momenti di crisi e, più in generale, di grande difficoltà per famiglie e imprese. Il ruolo del mondo del credito, quindi, è stato di grande supporto, attraverso svariate tipologie di prestiti.

Se un tempo, infatti, l’unico prestito sottoscrivibile era quello che prevedeva il pagamento delle rate in conto corrente, oggi esistono un numero plurimo di opzioni che sono in grado di poter soddisfare le esigenze di ogni singolo risparmiatore, anche quelli che, loro malgrado, in alcuni casi riscontrano difficoltà nell’accendere un finanziamento ed ottenere la liquidità desiderata.

Cessione del quinto, tipologia di prestito sottoscrivibile anche da protestati e segnalati in CRIF

Tra queste, quella maggiormente ricercata dai consumatori italiani è la cessione del quinto dello stipendio/pensione, un’innovativa formula che consente di poter ottenere la liquidità richiesta con la certezza di far fronte puntualmente al pagamento delle rate: a differenza di un “tradizionale” prestito, infatti, le rate non vengono addebitate nel conto corrente, ma trattenute direttamente in busta paga.

Un aspetto, quest’ultimo, che fa comprendere come il ruolo del datore di lavoro sia quello di “garante”, perché è egli ad assicurare alla finanziaria il pagamento puntuale della rata. Se vuoi saperne di più, puoi leggere alcuni articoli di approfondimento presenti in rete, utile a comprendere come questa innovativa formula di credito sia utile ad un’ampia gamma di soggetti che abbiano il prerequisito essenziale di disporre di un contratto a tempo indeterminato.

La presenza del datore di lavoro, infatti, consente di sottoscrivere il prestito anche a quei soggetti che hanno subito in passato delle segnalazioni negative e riscontrano oggettive difficoltà d’accesso al mondo del credito, riuscendo ad ottenere quella liquidità talvolta di vitale importanza per l’intero nucleo famigliare. Una sorta di rivoluzione se si pensa a solo qualche lustro fa, quando la segnalazione in CRIF o nel bollettino dei protesti rendeva di fatto impossibile sottoscrivere un finanziamento.

Per sottoscrivere la cessione del quinto dello stipendio/pensione, tuttavia, è indispensabile possedere alcuni requisiti. I lavoratori dipendenti, come scritto poc’anzi, devono disporre di un contratto a tempo indeterminato, al fine di garantire all’ente creditizio continuità nel pagamento delle rate. Adesso, invece, andremo ad analizzare quali sono le regole alle quali sottostare quando si contrae una cessione del quinto dello stipendio.

Cessione del quinto, quali sono le regole indispensabili da dover seguire?

La rata mensile non potrà in ogni caso superare il 20% dello stipendio percepito (da qui la definizione di “un quinto”) e l’importo sarà sempre fisso e costante: i soggetti che desiderano sottoscrivere un prestito a tasso variabile, quindi, non potranno volgere il loro sguardo a questa tipologia di finanziamento, che prevede solamente il tasso fisso.

Esiste anche un vincolo per quanto riguarda la durata del finanziamento. La cessione del quinto dello stipendio non può superare i 120 mesi, ma in alcuni casi esiste la possibilità di poterlo rinnovare prima della scadenza, dando modo al contraente di ottenere ulteriore liquidità aggiuntiva. Una durata, comunque, estremamente lunga, se si considera che la durata media di un tradizionale prestito al consumo si attesta attorno ai 48 mesi.

La cessione del quinto, considerata la possibilità di contrarre il debito in un orizzonte temporale di lungo periodo, ben si presta per consolidare più prestiti in un’unica rata, rendendo più sostenibili i debiti contratti. I documenti da presentare, invece, sono pressoché identici a quelli di un prestito personale: documento d’identità in corso di validità; codice fiscale/tessera sanitaria; ultima busta paga; ultimo CUD/modello UNICO disponibile; permesso di soggiorno per i cittadini extra-UE.

SHARE
Blogger e Seo, amante della tecnologia e del web marketing, scrivo news ultim'ora per gli utenti che preferiscono di essere sempre aggiornati con le notizie del giorno.