Milano, Starbucks firma il Restyling di Piazza Duomo

L'apertura del punto vendita a settembre 2017

0
1294

E’ ufficiale. Con buona pace degli amanti dell’espresso, a Milano presto aprirà la prima caffetteria firmata Starbucks. Contenti tutti gli universitari che già scalpitano per poter studiare con un bicchierone di american coffee tra le mani, l’apertura del punto vendita dell’azienda statunitense avverrà intorno a settembre 2017.

Il progetto. Ad anticipare l’inaugurazione della caffetteria, un progetto che rivoluzionerà la piazza del Duomo di Milano: Starbucks, infatti, ha vinto un appalto comunale che prevede il restyling delle aiuole in centro città. Le “vecchie” piante saranno trasferite in altri giardini comunali e i due spazi verdi situati di fronte alla cattedrale diventeranno delle isole tropicali: arriveranno palme, banani, arbusti, graminacee e piante perenni con fioriture alternate durante le stagioni in varie tonalità di rosa. Al di sotto degli alberi, un tappeto di ghiaia scura in contrasto.

Disaccordo. L’anticipo dell’arrivo in Italia del colosso americano- che già ha portato tante polemiche da parte dei puristi dell’espresso italiano – avviene, appunto, con questa sponsorizzazione: Starbucks si è aggiudicata il bando del Comune, della durata di tre anni, con un progetto che ha ottenuto il via libera della Soprintendenza. I lavori inizieranno questa settimana con il trasferimento del verde scelto nel 2014 dalla giunta Pisapia: i 24 carpini e i 9 clerodendri che oggi sono nella grande aiuola di fronte al Duomo verranno spostati tra via Salomone e parco Galli e tra via Gonin e via Giordani. Fra un mese, a fine trasloco, inizierà la messa a dimora delle palme, dei banani e del sottobosco rosa. “Un’operazione che dimostra come queste forme di collaborazione tra pubblico e privato siano proficue nel trovare soluzioni che rendano più belle e curate le aree verdi della città”, sottolinea l’assessore al Verde Pierfrancesco Maran. Con lui il presidente di Starbucks

Emea Martin Brok, “molto orgoglioso di regalare alla città di Milano un bellissimo giardino”. In base al progetto dell’architetto Marco Bay, le piante creeranno una scenografia con le grandi foglie sempreverdi dei banani e delle palme “immerse” nella base di piante perenni con le fioriture alternate durante le stagioni in varie tonalità di rosa e, alla base, un tappeto di ghiaia scura che coprirà il sistema di irrigazione automatica.

Commenta l

SHARE
Trentatreenne salernitana, con così tanti sogni nel cassetto che è stato necessario costruire una cabina armadio per contenerli tutti! Si occupa di comunicazione, informazione e formazione. Ha fondato la web agency Ok Comunicare ed è appassionata di letteratura, cinema, fotografia, decoupage. E' giornalista pubblicista e in costante aggiornamento circa le dinamiche evolutive legate ai social network sites.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.