Fedez: la Rai lo querela, lui risponde così. Tutte le dure parole del cantante

0
116
fedez

Fedez è stato querelato dalla Rai per i fatti successi durante il Concertone del primo maggio. Il rapper milanese risponde così: “Non ho pubblicato tutto quello che ho ancora in mano, denuncerò per diffamazione il direttore di Rai 3”.

Quella della Rai è ‘vigliaccheria di Stato’

Quella della Rai è ‘vigliaccheria di Stato’ secondo Fedez il quale è stato querelato per i fatti accaduti durante il Concertone del primo maggio e quello che è avvenuto dopo. Ma ricapitoliamo. Fedez lancia una stories sul suo profilo Instagram dicendo che non gli era mai capitato di dover far approvare i suoi pezzi prima di salire su un palco. Poi, quand’è il suo turno, il rapper milanese sale sul palco dell’Auditorium e inizia a riportare frasi omofobe di alcuni politici leghisti.

Dopo il Concertone Fedez, visto che la Rai ha detto di non averlo assolutamente denunciato, pubblica un pezzo della telefonata avuta fra lui, i rappresentanti dell’organizzatore iCompany, la vicedirettrice di Rai 3 e Lillo. La Rai, adesso, lo querela per avere diffuso illecitamente l’audio della telefonata.

Le stories su Instagram di Fedez

Le stories su Instagram di Fedez non potevano non mancare e proprio sul social, Federico Leonardo Lucia dice: “Mi assumo la responsabilità di ciò che ho detto e ho fatto e quindi affronto le conseguenze. Sapete la differenza fra me e voi, amici della Rai? Io la telefonata l’ho pubblicata mettendoci la faccia e pagando le conseguenze – continua il cantante – “mentre voi, dirigenti della tv di Stato che mi avete registrato a vostra volta, l’avete data ai giornalisti che devono coprire le loro fonti. Questo non è un illecito giuridico, ma vi siete parati il culo e questa è vigliaccheria di Stato”.

Fedez ci mette anche il carico da 90: “La telefonata integrale è pure peggio di quella tagliata. E non ho pubblicato tutto quello che ho ancora in mano. Speriamo che almeno in commissione vigilanza Rai mi faranno parlare e dire la mia visto che c’è bisogno del contraddittorio”.

Poi dice: “Sono orgogliosissimo di quello che ho fatto, lo rifarei altre mille volte. Si tratta di metterci la faccia e pagare le conseguenze perché io che sono un privilegiato mi posso difendere da voi” – poi aggiunge – “, ma ci sono persone a cui voi molto probabilmente avete riservato lo stesso trattamento che non hanno il privilegio di potersi difendere e che magari davanti a voi hanno abbassato la testa, hanno piegato la schiena e hanno obbedito alle schifezze che gli avete proposto”.

Infine, la stoccata: “Lo dico come lo direbbe un leghista in commissione di vigilanza Rai: atto doveroso, denuncerò per diffamazione il direttore di Rai 3 (Franco Di Mare, ndr). Iniziamo le danze amici, ci divertiremo un sacco per i prossimi tre, quattro anni”.

fedez_rai_querela
Instagram
SHARE