Futuro 3.0. con l’università online nel 2020

0
172
e-learning

Il coronavirus ha portato tantissimi cambiamenti nella nostra realtà.

Anche se la quarantena è finita ed è chiaro che le persone stanno facendo di tutto per tornare alla normalità che ricordano (dimenticando, nella maggior parte dei casi, le tanto professate promesse di essere migliori o di cambiare del tutto il proprio stile di vita), ci sono molte questioni che l’epidemia Covid-19 ha sollevato e di cui bisognerebbe continuare a parlare. Una fra tutte? L’e-learning.

Con la chiusura delle strutture fisiche di scuole e università, studenti e professori non hanno potuto far altro che riversarsi nell’unico posto che poteva assicurare la presenza senza il contatto: il mondo del web. Chi con maggiore e chi con minore fatica, alla fine tutto il mondo scolastico e accademico si è trovato a imitare e a prendere spunto dal modello offerto dalle università telematiche, generalmente bistrattato soprattutto in Italia.

Nonostante nel nostro Paese ci siano numerose realtà telematiche riconosciute ufficialmente dal Miur (e che hanno, quindi, lo stesso valore di un’università tradizionale), non è insolito trovare persone scettiche nei confronti della laurea online, considerate più semplici e meno impegnative. In realtà, si tratta di strutture all’avanguardia nel panorama dell’educazione visto che sfruttano il computer e la connessione internet per trasmettere conoscenze agli studenti. Se si parla di nativi digitali, un motivo c’è: le nuove generazioni hanno un rapporto molto stretto con la tecnologia, che ci piaccia o no. Tanto vale capire come sfruttare i mezzi digitali per la trasmissione del sapere che è e rimarrà sempre fondamentale per la formazione degli adulti del domani.

Inoltre, università telematiche sono molto inclusive e democratiche. Infatti, danno la possibilità di laurearsi anche a chi non potrebbe farlo negli atenei tradizionali. C’è chi desidera iscriversi pur lavorando già; o chi manda avanti una famiglia, ma desidera comunque tagliare un traguardo tutto suo. Con questo tipo di università si ha la possibilità di farlo.

Cosa significa iscriversi a un’università telematica?

Chiariamo subito: frequentare un’università telematica non significa che non si ha la possibilità di vivere la vita universitaria in sede o che non ci sono lezioni da svolgere in presenza. Ci sono atenei, come l’Università Niccolò Cusano, che hanno una sede centrale organizzata come un vero e proprio campus su modello degli atenei inglesi. Lì si ha la possibilità di seguire le lezioni in presenza, di studiare in biblioteca, di frequentare bar e locali universitari insieme ai propri colleghi di studio come in una qualsiasi altra università.

Oltre a tutto questo, ci sono le video lezioni disponibili sulla piattaforma digitale a cui lo/la studente ha accesso dopo l’iscrizione. Queste sono utilissime per chi non abita vicino alla sede e non può permettersi di frequentarla regolarmente. Inoltre, sempre online si possono trovare le dispense con i materiali da studiare e comode esercitazioni per verificare il proprio livello di preparazione.

I vantaggi e gli svantaggi di un’università telematica

Se si sceglie di non frequentare le lezioni e di prepararsi autonomamente con i materiali offerti dall’università, si è padroni del proprio tempo. Si può decidere quante ore della propria giornata dedicare allo studio e alle lezioni a seconda dei propri impegni. Questo richiede una buona capacità di organizzazione e una grande autodisciplina… ma è comunque un’occasione per imparare, no?

Per qualsiasi dubbio in merito alla didattica o a come funziona l’università ci si può rivolgere ai docenti o ai propri tutor. Non si deve pensare che solo perché lo studio è autogestito, allora si è abbandonati a se stessi perché non è così!

Grazie alle università telematiche, le persone possono risparmiare i costi dei trasporti o degli affitti. L’unico problema è che non tutti i corsi di laurea sono ancora disponibili tramite e-learning e quindi non c’è la stessa scelta che si ha in altri atenei.

Se si vuole avere una panoramica generale di tutte le università online accreditate dal Miur, basta fare un giro online, sui portali dedicati. Si tratta anche di dare uno sguardo a come potrebbe essere strutturata l’università del futuro.

Commenta l

SHARE
Blogger e Seo, amante della tecnologia e del web marketing, scrivo news ultim'ora per gli utenti che preferiscono di essere sempre aggiornati con le notizie del giorno.