Casertana-Avellino 0-2: derby campano agli irpini

0
194

Grande rammarico per l’Avellino. E non riguarda gli ultimi risultati, bensì la presenza nel suo stesso girone di un’autentica corazzata come la Ternana. Gli umbri non hanno mai dato l’impressione di poter perdere il primato, ma l’Avellino di queste ultime gare sarebbe stato un osso duro in altri tempi.

La formazione ospite si afferma in maniera autorevole anche al Pinto di Caserta dove la squadra di casa non riesce a creare grossi pericoli in un derby molto atteso.

Gli irpini si presentano con Bernardotto e Santaniello in attacco, mentre la squadra di mister Guidi deve ancora una volta rinunciare alla sua stella, ovvero il grande ex Gigi Castaldo.

Parte bene l’Avellino di Piero Braglia che dopo pochi secondi potrebbe già andare in vantaggio: clamoroso scivolone del portere della Casertana, Avella, che regala il pallone a Bernardotto. L’attaccante però non riesce a trovare la rete e si fa ipnotizzare proprio dallo stesso portiere.

Ma la prima frazione di gara è all’insegna del predominio territoriale dei lupi irpini che trovano il vantaggio al 26° minuto con Luigi Silvestri. Tito pennella il suo decimo assist stagionale con un delizioso cross che trova il difensore abile a staccare e battere Avella.

Avellino che domina in campo, mentre la Casertana perde qualche pezzo con Izzillo e poi Konate, nel secondo tempo, che devono abbandonare il campo.

Non arriva una pronta reazione da parte dei falchetti che al 36° minuto subiscono il raddoppio di Bernardotto. Santaniello innesca Tito, elemento in più per gli irpini, bravo a servire Carriero che conclude in porta, ma Avella respinge sui piedi dell’ex Vibonese che realizza il 2-0.

Nel secondo tempo crea poco la Casertana, mentre l’Avellino tiene bene il campo legittimando la sua vittoria.

Prossimo turno che vedrà la Casertana ancora impegnata in un derby campano, contro la Turris in trasferta.

Avellino che invece dovrà fermarsi per la sosta, e sperare che il Bari non vinca così da non vedere il distacco dai galletti ridursi. Un’ottima chance per provare ad arrivare ai playoff come una delle formazioni da battere.

E la garanzia dei biancoverdi ha un nome, quello di Piero Braglia, tecnico navigato e che sa bene come si vince un campionato di serie C.

SHARE