Coronavirus a Torino: arriva il primo caso. È ricoverato all’Amedeo di Savoia

L’uomo, 40 anni, è in isolamento: tenuti sotto osservazione altri 15 casi in Piemonte

L'uomo, 40 anni, è in isolamento: tenuti sotto osservazione altri 15 casi in Piemonte

0
365
Coronavirus Torino
Coronavirus Torino

Si tratta di un uomo di 40 anni. Questo l’identikit del primo caso di Coronavirus riscontrato a Torino. Ma riavvolgiamo il nastro, rapidamente. Il virus – il nome esatto è Coronavirus SARS-CoV-2 – è nato in Cina, nella regione di Wuhan. Lì si è manifestato per la prima volta al termine del 2019  diffondendosi con una velocità impressionante ed arrivando rapidamente ad infettare migliaia di abitanti e causando finora più di duemila vittime.

Dal territorio cinese però, il virus si è progressivamente trasmesso anche negli altri continenti. La malattia è ormai sulla bocca di tutti, ed in Europa erano stati riscontrati i primi casi nelle ultime settimane in tre Nazioni: Germania, Francia e Gran Bretagna. L’Italia è stata la quarta.

Coronarivus Torino
Coronarivus a Torino: nel Lodigiano, utilizzate mascherine protettive

CORONAVIRUS A TORINO: LA SITUAZIONE

Ma l’Italia è anche il Paese, entro i confini europei, che ha registrato la diffusione più veloce ed è così in pochi giorni diventato la Nazione con più contagi in Europa. Nella giornata odierna, il virus ha raggiunto anche il Piemonte. Il primo caso di Coronavirus a Torino è infatti un quarantenne, che è subito stato ricoverato in isolamento presso l’Amedeo di Savoia (l’ospedale specifico per le malattie infettive).

Le notizie che filtrano per il soggetto sono positive. Non è in pericolo di vita: il sintomo presentato è solo una febbre alta, ma sembra essere stato ricoverato in tempo. Restano però al momento sotto osservazione, ovviamente, tutti i familiari così come anche l’intero personale medico che in queste ore ha avuto contatti con lui.

Come ha fatto il soggetto a contrarre il virus? Tramite vie lavorative. L’uomo, negli scorsi giorni, aveva infatti avuto contatti di lavoro con alcuni membri del gruppo di infetti di Cologno (nel Lodigiano, in Lombardia, là dove l’allarme è più forte ed il Coronavirus ha già mietuto la sua prima vittima italiana). Nel frattempo, la Regione ha confermato che in Piemonte sono altre 15 le persone mantenute sotto osservazione per una possibile contrazione del virus.

Commenta l

SHARE
Classe '94: giornalista pubblicista, copywriter e social media specialist. Appassionato di viaggi e sport, in particolare calcio e rugby. Grande amante di animali, musica e telecronache.