In aumento i casi di tumore alla prostata, tutto quello che c’è da sapere

Il tumore alla prostata è uno dei più frequenti nella popolazione maschile, ma i dati sulla sopravvivenza sono molto incoraggianti

0
210
prostata cause

Il tumore alla prostata è uno dei più frequenti nella popolazione maschile e di anno in anno, sia in Italia che nel resto del mondo si registra un aumento dei casi. Per quanto riguarda il 2019, i quadri clinici che presentano neoplasie alla prostata sono pari a 35mila e i dati sono incoraggianti poiché in più del 90% dei casi si riesce a sopravvivere dato che il cancro è diagnosticato nelle prime fasi iniziali e le terapie e le nuove cure scoperte diventano sempre più efficaci.

I dati sul cancro alla prostata

Gli ultimi dati sui casi di tumori alla prostata sono stati dichiarati e illustrati durante l’ultimo convegno European Association of Urology che si è tenuta a Barcellona nei giorni del 15, 16, 17, 18 e 19 marzo 2019. Il congresso richiama, ogni anno, oltre 10mila scienziati, studiosi o ricercatori che arrivano da oltre 100 Paesi diversi e studiano e sono specializzato nel campo dell’urologia.

Per quanto riguarda le novità rilasciate durante la reunion scientifica sul cancro alla prostata, è emerso, oltre ai dati sulla sopravvivenza, che il carcinoma prostatico è il più diffuso tra gli uomini e oltre il 20% dei quadri clinici di neoplasie maschili trattano, appunto, quella alla prostata. Quest’ultimo è molto più diffuso nei Paesi Occidentali rispetto a quelli Orientali e negli ultimi due anni sono state affinate molte nuove tecniche che consentono di agire rapidamente sulla patologia neoplastica. Ma andiamo a vedere, ora, che cos’è la prostata e quali sono le cause e i sintomi del tumore alla prostata.

Cos’è la prostata

Una recente indagine ha dimostrato che moltissime persone, tra le quali anche una percentuale di uomini, non sapesse cosa fosse nello specifico la prostata, dove è collocata e a che cosa serva. Prima di andare a scoprire insieme quali sono le cause di un tumore alla prostata, i suoi sintomi e come si cura, vediamo nello specifico cosa c’è da sapere da questa, a quanto pare, ghiandola maschile.

La prostata, come appena detto, è una ghiandola collocata nella parte anteriore del retto e le sue dimensioni possono essere paragonate a quelle di una castagna. Questa è molto utile nelle funzioni della riproduzione e serve per la produzione e il secernere lo sperma e il liquido seminale.

Quando si parla di tumore

Si parla di tumore alla prostata quando le cellule che si trovano all’interno di questa ghiandola iniziano a crescere in maniera non controllata. Se ci sono altre patologie o particolari disturbi la ghiandola va a ingrossarsi e crea disagi soprattutto di tipo urinario poiché molto spesso c’è la necessità di andare al bagno. La prostata è molto condizionata dagli ormoni come ad esempio il testosterone che ne va a influenzare la crescita. E’ importantissimo effettuare controlli frequenti della prostata specialmente una volta superati 50 anni di età, nei quali si registrano la maggior parte dei casi di neoplasia prostatica.

Le cause

Per quanto riguarda le cause che possono portare una neoplasia prostatica non possiamo parlare di certezza, in quanto ancora non sono state individuate dalla comunità scientifica. Si può affermare, però, che molti dei fattori a rischio sono molto simili e presenti nella maggior parte dei casi registrati eccezion fatta per una percentuale minore.

Anche il tumore alla prostata, come quello del pancreas ad esempio e altre tipologie di neoplasie, può essere silente e quindi non riconoscibile nell’immediato, soprattutto nei casi nei quali non si presentano evidenti disturbi e disagi. Alcuni elementi, però, possono far scattare un campanello d’allarme e considerati i responsabili diretti del tumore.

I fattori a rischio

Per quanto riguarda questi fattori a rischio possiamo sicuramente citare l’alimentazione. Avere una sana alimentazione e seguire una dieta equilibrata è alla base del benessere fisico e organico per evitare una qualsiasi patologia e anche nel caso di tumore alla prostata il nutrimento è una componente fondamentale. Se non si segue un regime alimentare sano, infatti, c’è una probabilità alta che il tumore alla prostata si generi.

Per evitare ciò è bene evitare assolutamente il consumo di grassi saturi o fritti. Meglio anche evitare quindi insaccati e latticini e per quanto riguarda la carne è meglio preferire quella bianca alla rossa. E’ bene un consumo di frutta e ortaggi gialli e verdi insieme a olio esclusivamente d’oliva, meglio se artigianale e riso. Positivo e favorevole è anche il consumo per quanto riguarda alimenti che contengono vitamine A, E e D e selenio.

I sintomi

Per quanto riguarda invece i sintomi del tumore alla prostata possiamo sottolineare i fastidi urinari, quindi andare spesso in bagno, difficoltà nell‘urinare, dolore mentre si urina, perdite di sangue nell’urina o nello sperma. Insieme a una perenne sensazione di non aver urinato in modo completo.

Essendo silente, il tumore alla prostata viene diagnosticato attraverso una visita all’urologo che va a esplorare la zona rettale e controllare il PSA attraverso le analisi del sangue. Poiché i disturbi nell’urinare possono essere associati anche a altre patologie come ad esempio l’ipertrofia, è sempre meglio rivolgersi nel più breve tempo possibile a uno specialista.

La massa tumorale nella prostata cresce molto lentamente e per questo motivo i sintomi possono presentarsi anche dopo qualche anno addirittura. Durante il convegno di Barcellona, i medici hanno dimostrato come si abbiano già delle proiezioni per quanto riguarda il 2020 anno nel quale si prevede una registrazione di circa 45mila casi di tumore alla prostata mentre 54mila sono previste per quanto riguarda il 2030.

Occhio dunque alla prevenzione seguendo, come già consigliato in precedenza una alimentazione sana e in più anche una attività fisica regolare che può essere tradotta anche con una camminata di una mezz’ora al giorno.

Commenta l

SHARE
Amo scrivere e nel tempo libero leggere libri e guardare la Formula 1. Seguo con passione molte manifestazioni sportive e musicali. Anima Rock e stile libero.