Cos’è la Chirurgia Refrattiva: le ultime tecniche

0
156
Chirurgia Refrattiva

Con il passare del tempo o a volte sin dalla nascita, gli occhi presentano delle piccole o grandi imperfezioni che, grazie all’alta tecnologia di oggi, è possibile risolvere.

Esistono tanti interventi correttivi, ma quello che più frequentemente viene utilizzato prende il nome di chirurgia refrattiva. Essa viene effettuata con l’ausilio del laser perchè operazioni di questo tipo richiedono un’attenzione massima e strumenti di una precisione strabiliante.

Consiste nel correggere le dimensioni della cornea, motore principale della vista, ed eliminare i difetti che ne causano una incompleta messa a fuoco. Per svolgere tale operazione, è necessario alzare una piccola parte di tessuto corneale altrimenti il laser non potrà risolvere il problema.

Tale tessuto verrà riposizionato una volta terminato l’intervento e, la cosa positiva, è che tutto ciò non richiede nessun punto di sutura. Questo per evidenziare l’elevata tecnologia che possiedono tali macchinari.

Chirurgia refrattiva: cause e tecniche

È possibile che l’occhio umano presenti alcune imperfezioni che non garantiscono una perfetta messa a fuoco del soggetto e dell’oggetto che si sta osservando.

Tra i tanti difetti esiste:

  • Miopia – una malformazione oculare che non offre una buona visione dei soggetti a lunga distanza,
  • Ipermetropia – dovuta ad una perfetta visione degli oggetti lontani, ma imperfetta per quel che riguarda quelli vicini,
  • Astigmatismo – un altro difetto che provoca una visione distorta dell’immagine, cioè quando l’immagine di un qualsiasi punto appare con una forma più o meno ampliata
  • Presbiopia – ovvero quella perdita che avviene in maniera irreversibile con il passare del tempo nel mettere a fuoco gli oggetti da vicino.

Le tecniche utilizzate per questo tipo di chirurgia sono differenti:

  • LASIK/SBK: è la più utilizzata, adatta per tutti quei difetti visti in precedenza
  • PRK: anche questa adatta per le imperfezioni sopra citate, anche se in maggior dettaglio cura la miopia elevata
  • Relex SMILE: è una delle ultime tecnologie sviluppate, infatti garantisce molta più sicurezza e benefici rispetto alle altre
  • Lenti fachiche: viene utilizzato questo tipo di lente con un impianto intraoculare per tutti quei pazienti che non possono subire operazioni con il laser
  • Trattamento multifocale della cornea: con l’ausilio del laser viene creata una zona multifocale in grado di eludere i problemi legati alla messa a fuoco dei soggetti a distanza ravvicinata;
  • Ocufit: grazie ad un trattamento elettrostimolatorio, il muscolo ciliare viene rinforzato per una perfetta visione di soggetti vicini
  • Monovisione: un’operazione utilizzata per una correzione dell’occhio dominante nella visione dei soggetti lontani, mentre quello non dominante viene lasciato miope
  • Trattamenti customizzati: correggono anche altre imperfezioni della cornea
  • Facorefrattiva: viene sostituito il cristallino dell’occhio con un altro artificiale perfettamente graduato.

Conclusione

I costi per affrontare tali operazioni non sono molto bassi, ma sicuramente sono ben investiti. Molte persone, grazie alla chirurgia refrattiva, hanno risolto tutti i problemi legati alla vista, eliminando del tutto la noia delle lenti o degli occhiali.

Ovviamente il post intervento necessiterà delle dovute precauzioni volte ad un completo riposo dell’occhio. É importante seguire attentamente tutte le indicazioni dell’équipe oculista, l’unica in grado di conoscere le procedure di medicazione.

Informazioni dell’articolo tratte da: https://www.oculistanizzola.it/chirurgia-refrattiva/

Commenta l

SHARE
Blogger e Seo, amante della tecnologia e del web marketing, scrivo news ultim'ora per gli utenti che preferiscono di essere sempre aggiornati con le notizie del giorno.