Tosatrice per cani, ecco come scegliere il modello più adatto

0
152
cane

I nostri amici a quattro zampe hanno bisogno esattamente come noi di ricevere adeguata pulizia e seguire delle regole ben precise in riferimento all’igiene. Una delle attività di cui non ci si può affatto dimenticare è rappresentata dalla pulizia del pelo, che deve essere portata a termine periodicamente.

Si tratta di un’attività che non è semplicemente fine a sé stessa da un punto di vista estetico, ma che consente di migliorare il benessere vero e proprio degli animali.  Una delle operazioni per raggiungere tale obiettivo è senz’altro la tosatura, che può variare notevolmente in relazione alla razza del cane. Il tipo di tosatura si sceglie in base al pelo del vostro animale domestico, ma anche allo scopo per cui si effettua tale attività di “manutenzione”. Ad esempio, mantenere in perfette condizioni il pelo di un cane da esposizione comporterà, senza ombra di dubbio, un impegno decisamente maggiore in confronto ad un normalissimo cane da compagnia che vive nella stessa casa della propria famiglia.

Quando serve fare la tosatura

Questa attività è fondamentale per poter curare e pulire l’intero manto del cane. Quante volte deve essere portata a termine? Il suggerimento è quello di considerare un gran numero di fattori: prima di tutto la tipologia di pelo del cane e il tipo di vita che caratterizza giornalmente l’animale.

Ci sono tanti cani che hanno l’abitudine a rimanere in casa per tanto tempo, muovendosi poco poi nel corso della giornata. È chiaro che, in questi casi, la sporcizia che viene prodotta è piuttosto limitata: cosa diversa, invece, quando si tratta di un cane che vive per buona parte della giornata all’aperto, anche magari quando c’è brutto tempo. Proprio per tale ragione, è fondamentale che tutti quei cani che hanno un manto lungo e riccio hanno maggiore necessità di essere lavati in modo accurato.

Basti pensare, ad esempio, ai levrieri afgani, che necessitano di essere tosati in modo piuttosto regolare, in maniera tale che possano conservare un manto sempre perfettamente lucido e luminoso. Quindi, è fondamentale anche impiegare una serie di prodotti, come ad esempio degli shampoo cardatori, sianatori e districanti, che possano evitare la formazione di pericolose palle di pelo.

Come individuare il modello migliore per le proprie esigenze

L’impiego corretto di una tosatrice è fondamentale, ma lo è altrettanto anche la ricerca del modello più adatto alle proprie necessità. La scelta di una delle migliori macchinette tosatrici per cani passa inevitabilmente dalla valutazione di una serie di aspetti. In primo luogo la silenziosità, anche per evitare che i cani d’indole più nervosa e suscettibile possano innervosirsi. A fare la differenza c’è anche il fattore legato alla durata della batteria, ma anche il tipo di testine usato e i pezzi di ricambio.

Ci sono anche tanti dettagli tecnici che si devono prendere in considerazione. Prima di tutto, il quantitativo di oscillazioni al minuto, la tipologia di attacco che caratterizza le testine, senza dimenticare il peso dello stesso apparecchio. Tra gli elementi strutturali che possono fare la differenza in fase di acquisto troviamo anche il motore e gli ingranaggi, così come il fatto di essere dotate di una struttura antiurto, leggera e al contempo dal design decisamente ergonomico. Nel momento in cui si deve fare la scelta della tosatrice per cani più adatta per le proprie necessità, è importante non tenere in considerazione solo ed esclusivamente la marca e il prezzo.

Sul mercato si possono trovare tantissimo modelli di tosatrici per cani. Quelli maggiormente diffusi sono la tosatrice a filo, quella a batteria, quella con lame fisse oppure quella con lame intercambiabili. Serve valutare con la massima attenzione anche la presenza di un numero congruo di pezzi di ricambio.

SHARE
Blogger e Seo, amante della tecnologia e del web marketing, scrivo news ultim'ora per gli utenti che preferiscono di essere sempre aggiornati con le notizie del giorno.