Online da oggi la Dichiarazione dei Redditi precompilata

Disponibile il 730 precompilato 2018

0
471
dichiarazione dei Redditi precompilata

Il rapporto tra italiani e Fisco spesso non è per nulla facile, ma si può dire che stia lentamente migliorando, almeno sotto alcuni punti di vista, tra i quali rapidità e qualità delle comunicazioni e anche la trasparenza.

Da oggi, 16 aprile, per chi lo desidera è possibile accedere online, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, alla propria dichiarazione dei redditi precompilata. Sarà possibile accettare la dichiarazione oppure integrarla, ad esempio aggiungendo spese mediche non riportate nella stessa.

Dichiarazione dei Redditi precompilata a cosa prestare attenzione

La dichiarazione dei redditi precompilata in molti casi semplifica moltissimo il rapporto del contribuente con il Fisco. Fate però attenzione a non accettarla senza prima averla attentamente verificata, anche perché da quest’anno nella dichiarazione compaiono nuove spese, come le rette per gli asili nido, le donazioni alle Onlus, le spese veterinarie, gli interessi passivi sui mutui, i contributi versati ai lavoratori domestici e altro ancora.

Come vedere la propria Dichiarazione dei Redditi precompilata

Chi lo desideri può vedere la propria dichiarazione dei redditi precompilata accedendo al sito internet dell’Agenzia delle Entrate e inserendo alcuni dati personali per effettuare l’accesso. Per accedere online potete usare un’identità SPID (Sistema pubblico d’identità digitale), le credenziali dispositive rilasciate dall’Inps o una Carta Nazionale dei Servizi.

Se preferite recarvi in un ufficio del territorio dovrete presentare un apposito modulo di richiesta debitamente compilato e un documento d’identità valido. Tra le novità di quest’anno c’è anche la possibilità di sapere (in percentuale) come sono state spese le tasse versate il precedente anno, un’operazione trasparenza che desidera ridurre l’evasione fiscale.

La lotta all’evasione è uno dei cavalli di battaglia della politica, di qualsiasi colore e in effetti l’economia sommersa in Italia ha proporzioni estremamente rilevanti. Oltre a tasse adeguate o che comunque non vengano percepite come troppo alte, un altro sistema per combattere il fenomeno è senza dubbio semplificare la comunicazione tra cittadini e fisco ed essere maggiormente trasparenti su come vanno spese, per il bene comune, le tasse pagate.

Commenta l

SHARE
Storico dell'arte di formazione, consulente informatico di professione, collaboro da anni con vari magazine online.