Piero Angela da Roma a Milano grazie alla tecnologia 5G

Il divulgatore scientifico è diventato un ologramma in 3D grazie alla tecnologia di Vodafone

0
83

Piero Angela ha partecipato alla manifestazione Il Tempo delle Donne tenutasi alla Triennale di Milano, organizzata dal Corriere della Serie. Niente di strano fin qui, se non che il divulgatore scientifico si trovava a Roma.

L’ologramma in 3D

Ebbene sì, Piero Angela si trovava a Roma nel momento esatto in cui ha fatto il suo intervento durante l’evento milanese. Come è possibile questo?

Tutto ciò è stato reso possibile grazie all’ologramma 3D abilitato dalla rete 5G di Vodafone. Il testimonial speciale ha così interagito in tempo reale durante la manifestazione Il Tempo delle donne, presentato per l’occasione da Sabrina Baggioni, 5G program director di Vodafone.

Piero Angela ha sottolineato la grande importanza di questa nuove tecnologie che stanno aprendo le porte al futuro: “Essere in due posti allo stesso momento una volta era una prerogativa dei santi. Oggi gli informatici lo stanno facendo molto meglio”.

Lo storico ha affermato: “Se io fossi un insegnante, cosa farei? Io farei il regista non farei solo la lezione frontale, ma farei entrare il mondo in classe” poi continua “Era quello che da ragazzi si immaginava essere il 2000 e che si sta veramente realizzando”.

Le potenzialità del 5G

Sabrina Baggioni durante l’evento ha spiegato che una delle applicazione che il 5G consentirà di realizzare in maniera completamente diverso da quanto viene fatto oggi è l’ologramma 5G naturale, interattivo, tridimensionale ad altissima definizione.

Infatti ha spiegato: “Ciò che consente di realizzare questi nuovi ologrammi così veri sono da una parte la capacita del 5G di trasferire video in altissima definizione in pochissimo tempo e dall’altra il tempo reale nella reazione” continua “Quindi domande e risposte fra l’ologramma, che è quindi è digitale, e che si po’ trovare a centinaia di chilometri di distanza e la presenza fisica dell’intervistatore o degli altri partecipanti”.

SHARE