Migranti: nave americana abbandona 12 corpi in mare

Una nave americana ha affidato al mare i corpi di 12 migranti

0
985
migranti
migranti

L’antefatto

Sono passate circa 48 ore da quando la nave USS Trenton ha salvato dalle acque dei mari libici ben 41 migranti.L’imbarcazione, battente bandiera americana, è quindi rimasta bloccata per qualche tempo in attesa di conoscere la sua futura rotta.

L’Italia infatti, primo paese a cui è stato chiesto di ospitare i naufraghi, ha rifiutato il suo consenso. Intanto i marines hanno chiesto aiuto anche alla Sea Watch3. L’equipaggio della nave, appartenente ad una organizzazione non governativa, ha contribuito fornendo beni di prima necessità ai migranti.

Ad oggi la USS Trenton però non ha una destinazione ed i clandestini sono ancora a bordo della nave americana.

I corpi dei migranti sono stati gettati in mare

Dato che a distanza di oltre 48 ore né l’Italia, né altri paesi vicini hanno mostrato interesse per il caso, l’equipaggio della nave statunitense ha dovuto regolarsi di conseguenza.

Tutte le salme dei migranti che, secondo fonti confuse e contraddittorie, sarebbero state in un primo momento ripescate dal Mediterraneo, sono state gettate in mare. Il gesto, orribile ma necessario, trova motivazione nell’assenza di celle frigorifere a bordo della Trenton. I migranti, morti per ragioni non sempre definite, non potevano rimanere sulla nave per questioni legate alla sicurezza pubblica.

L’assenza di celle frigorifere ed i tempi sempre più incerti di fermo della nave, hanno rappresentato inoltre un ulteriore ostacolo alla conservazione delle salme.

Una questione politica

La vicenda, purtroppo, non è più soltanto una questione di umanità. Le sorti dei migranti e dei marines che li hanno salvati dalle acque del Mediterraneo, sono legate all’esito di un annoso dibattito politico.

L’Italia infatti si rifiuta di accogliere i migranti cercando così di attirare l’attenzione degli altri stati membri dell’Unione Europea da sempre accusati di lasciare al nostro paese l’incombenza di provvedere alla “questione”.

Il resto d’Europa però sembra non tenere molto in considerazione la protesta dell’Italia e, men che meno, le esigenze dei migranti bloccati in mare ormai da giorni.

Commenta l

SHARE
Una laurea triennale in lettere (indirizzo arti e spettacolo), una laurea magistrale in lettere (indirizzo filologia moderna) e tanta, tanta passione per la scrittura? Che altro avrei potuto fare nella vita?