USA: Lisa Montgomery è stata giustiziata. La prima donna con la pena di morte

0
341
Lisa_Montgomery_pena_di_morte

Lisa Montgomery è stata giustiziata dopo che la Corte federale Usa ha dato il via libera. La pena di morte era stata momentaneamente sospesa per far sottoporre l’imputata a nuova perizia psichiatrica. E’ la prima volta, in quasi 70 anni, che una donna viene condannata a pena di morte.

Il giudice distrettuale aveva bloccato la pena

Il giudice distrettuale, James Patrick Hanlon, aveva bloccato la pena per far si che l’imputata fosse sottoposta ad ulteriore perizia psichiatrica. La donna è stata condannata per aver tagliato il ventre e portare via il feto ad una ragazza incinta di soli 23 anni

Lisa Montgomery doveva essere giustiziata ieri, 12 gennaio 2021, ma appunto il giudice ha stoppato la pena perché secondo lui a corte deve accertare le capacità mentali della carcerata.

L’iniezione letale molti pensavano che venisse rimandata dopo l’insediamento del presidente, Joe Biden, che ha promosso più volte l’iniziativa di abolire la pena di morte al contrario dell’ex presidente Donald Trump che per i reati di competenza governativa fece ripristinare la pena capitale.

Lisa Montgomery è stata giustiziata

Lisa Montgomery, invece, è stata giustiziata dal dipartimento di Giustizia dopo il via libera della Corte Suprema degli Stati Uniti. E’ la prima donna ad essere condannata all’iniezione letale in quasi 70 anni. La 52enne aveva subito abusi sessuali durante l’infanzia, almeno da quanto riportato dagli avvocati della donna e da quanto scritta anche dal fattoquotidiano.it.

Tutte le violenze sessuali e lo star zitta da parte della madre per anni, hanno fatto si che avesse riportato “danni cerebrali e gravi malattie mentali”, secondo gli avvocati della donna.

La Montgomery, nel 2004, con la scusa di voler comprare dei cuccioli di cane, andò in casa della giovane 23enne incinta, Bobbie Jo Stinnett, e la strangolò e poi, con un coltello da cucina, le tagliò il ventre per tirar fuori la bambina, che era ancora viva, con l’obiettivo di far credere che fosse invece la sua.

SHARE