Covid, matrimonio, sport e coprifuoco. Come funzioneranno le riaperture

0
165
riapertura_matrimonio_covid_coprifuoco

La riaperture dei bar, ristoranti, cinema e teatri procede, ma ci sono altre categorie che hanno esigenza di ripartire. Già da lunedì 17 maggio 2021 potrebbero esserci delle novità.

La campagna vaccinale anti Covid

La campagna vaccinale anti Covid procede sempre di più e ora si punta verso un ammorbidimento del coprifuoco. Il governo con il presidente del Consiglio, Mario Draghi, definirà in settimana il cronoprogramma per decidere le nuove riaperture. Si sta pensando a una ripartenza dei ristoranti al chiuso e il prolungamento del coprifuoco alle 23 o alle 24.

Tutte queste novità potrebbero prendere il via già da lunedì 17 maggio 2021, ma bisogna aspettare gli esiti degli ultimi dati. Per i matrimoni, altra categoria penalizzata da questa pandemia di Coronavirus, si prospetta una riapertura per il 15 giugno 2021 con regole ben precise: ospiti rigorosamente distanziati e tutti con la mascherina e solo prevedono banchetti all’aperto.

I centri commerciali nei weekend

I centri commerciali potranno riaprire nei weekend se i dati sulla curva epidemiologica saranno confortanti. Le piscine al chiuso così come le palestre al chiuso potrebbero ripartire anche prima del 15 giugno 2021. Le riaperture graduali sono necessarie per non ricadere di nuovo nella chiusura totale: “Se si rispettano le restrizioni, la mascherina, il distanziamento – osserva Antonio Decaro, presidente dell’Anci – sicuramente non avremo particolari problemi. Se invece pensiamo che abbiamo superato la pandemia rischiamo di ritrovarci nuovamente con i contagi in aumento”.

Invece, il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini, spiega su TgCom24 che il Governo ha scelto la via delle riaperture graduali per garantire una maggiore sicurezza ai cittadini: “La campagna vaccinale va avanti e possiamo guardare al futuro con ottimismo e fiducia in più ci sono buone notizie anche la riduzione dei contagi, dei posti letto e delle terapie intensive”.

SHARE