Economia cinese, inizia la fase calante

0
1405

Il problema cinese

Economia cinese in declino. Questa è la situazione attuale, della nazione asiatica. Una metamorfosi preoccupante, che potrebbe avere diverse sfaccettature. Le chiavi di lettura per decifrare la situazione economica cinese infatti abbondano. Questo significa, che probabilmente, la diagnosi, potrebbe essere anche più importante, di quello che é stata descritta. Il tema della conclusione della corsa cinese è ricorrente  e da anni ricompare puntualmente. Secondo l’economista e responsabile delle ricerche sui paesi asiatici per Ispi Alessia Amighini, questa volta la situazione è realmente differente. Secondo l’economista infatti stavolta siamo davvero in una fase cruciale, Un momento che potrebbe decretare addirittura una specie di default. Gli elementi che un tempo erano considerati un punto di forza, su tutti menzioniamo i fattori demografici e finanziari, si stanno man mano tramutando in oatacoli insormontabili.

Perché sta avvenendo questa trasformazione

L’economista ha detto che i pilastri che hanno sostenuto l’economia cinese in questi anni, stanno ormai terminando la loro forza e la loro spinta. In questi anni inoltre le autorità cinesi sono state molto scaltro e capaci, nel manipolare, in un certo qualmodo, il sistema economico. Il problema però, secondo Amighini, sta nel fatto che l’economia è materia spinosa, che si può manovrare nel breve periodo. Nel lungo invece occorre adottare politiche strutturali di un certo tipo, che la Cina, Al momento, non pare un grado di mettere in piedi.Ora la situazione sta sfuggendo di mano, perché lo Stato non vuole correre ai ripari, aprendo la propria economia verso il mondo esterno.

Mercato auto in calo

Le piccole e medie imprese della nazione della grande muraglia, negli ultimi tempi hanno fatto registrare degli indici negativi. Non si tratta di contrazioni importanti, ma comunque rappresentano un primo campanello d’allarme, si una tendenza che pare sia ad un passo dall’accutizzarsi. Anche dei colossi industriali come Ford Volkswagen, per fare dei nomi conosciuti ai più, hanno rivisto in negativo le loro previsioni di vendita in Cina. La motivazione risiede in un pericoloso rallentamento degli ordini. Dopo una crescita che viaggiava ininterrottamente dai primissimi annii novanta, il mercato cinese delle quattro ruote, dallo scorso mrsecdi giugno, ha fatto registrare il segno meno.

Anche il mercato degli smartphone non registrano segni positivi

Anche per ciò che concerne il mercato relativo agli smartphone, si é registrato un indice negativo. Le vendite sono infatti scese nell’ultimo trimestre del 2018 del 9,7%,.La Apple è stata particolarmente messa in ginocchio, con addirittura un meno 20%, sulle vendite di Iphone. La sbandierata guerra dei dazi con gli Usa, potrebbe aver inciso sull’andamento dell’economia cinese. Ci pare comunque davvero riduttivo, addebitare a tale questione, lo sviluppo della conseguentr crisi economica della Cina. Gli smartphone nello specifico, hanno subito un rallentamento nelle vendite, a causa dell’imminente entrata in vigore della connettività on 5G. Una rivoluzione che ha bloccato la vendita dei telefoni 4G. Poche persone infatti nel 2018, hanno acquistato un nuovo smartphone, soprattutto per il gusto di cambiarlo. Tutti attendono infatti l’immissione sul mercato, dei nuovi smartphone in 5G. Tornando alla Cina, la crisi economica adesso può divenire un grandissimo problema, che a cascata poteebbe riverberarsi a livello mondiale. fonte: eikom.it