Vacanze estive: centro estivi, estate ragazzi.

0
126
centri estivi, estate ragazzi

I bambini attendono sempre con ansia la fine dell’anno scolastico, l’inizio delle vacanze estive e ormai ci siamo praticamente arrivati. Se per i bambini questo è una gioia, lo è decisamente meno per i genitori: dove lasciare i figli ora che le scuole sono chiuse? Questo è un bel problema da risolvere.

Vacanze estive: dove lasciare i bambini?

Nelle città e nei paesi si organizzano centri estivi, sia da parte dei distretti scolastici, da parte di scuole private e anche da Enti religiosi. In molti casi si tratta semplicemente di attività svolte sul posto.

Giochi, attività più tranquille in cui si stimola la creatività, altre attività in cui si da giusto spazio anche all’attività fisica con giochi che si basano sul movimento. Nel corso del periodo scolastico si è rilevato che i bambini oggi sono troppo sedentari

Alla bicicletta, al pallone e altre simili attività che mettono in movimento il loro fisico, i bambini preferiscono i passatempi elettronici e anche in tenera età i Social, spesso diseducativi se non anche in alcuni casi potenzialmente pericolosi.

Le vacanze sportive 

Di fronte alla sedentarietà dei bambini, tolta la fatica e lo stress delle attività scolastiche, vale la pena di incoraggiare i bambini a praticare nelle vacanze estive delle attività sportive.

In molte località italiane, in molte città si organizzano campi sportivi estivi. Il vantaggio, oltre al movimento che si realizza che è importante, è quello di trascorrere molto tempo all’aria aperta e questo non può che fare bene.

Se è vero che da decenni esistono i centri Estivi che in qualche modo consentono ai genitori di avere un appoggio dove lasciare i bambini nel periodo delle vacanze estive, è altrettanto vero che dagli anni 2000 i centri di vacanze sportive si sono moltiplicati.

Erano pochi all’inizio, oggi ce ne sono davvero molti sparsi in tutta la penisola. Praticare Sport per i bambini è importante perché in questo modo si contrasta il sovrappeso e l’obesità, si migliora il funzionamento dell’organismo nel suo complesso e si rimpara a vivere socialmente ma nel vero senso della parola, non solo dal punto di vista virtuale.

Con lo Sport si impara anche l’aspetto collaborativo, il gioco di squadra in cui non esiste soltanto la soggettività ma la ricerca dell’obiettivo comune cui ciascuno contribuisce con tutte le sue capacità.

I rischi delle attività sedentarie

Non esiste una tecnologia buona in assoluto e una cattiva altrettanto, tutto dipende dall’uso che se ne fa. Portando il paragone al limite, la stessa energia che ha seminato dolore, morte, distruzione nelle due città giapponesi al termine della seconda guerra mondiale, permette oggi di curare gravissime malattie, curare il cancro, è preziosissima nell’interesse umano e nella tutela della salute e della vita.

Lo stesso è rispetto alla tecnologia, rispetto agli Smartphone e Tablet: possono avere notevole utilità ma l’uso sbagliato o eccessivo è deleterio. Questo porta a distorsioni della realtà effettiva, la chiusura in realtà virtuali che distolgono dalla concretezza, porta a disturbi fisici e mentali, al sovrappeso, distorsione nella socializzazione, disturbi del sonno e all’aggressività.

Lo stress deve essere scaricato e il movimento, l’attività sportiva è l’ideale per questo. Recenti scoperte hanno dimostrato che i bambini sotto stress possono facilmente sviluppare vari problemi di salute nell’età adulta, a distanza anche di 40 anni.

Stimolare la fantasia, la creatività, fare attività fisica è un modo sano di trascorrere le giornate di vacanza per i bambini.

Il problema dei costi

Come spesso capita nel nostro Paese, le opportunità sono rivolte a chi ha denaro. I Centri Estivi in generale e anche quelli sportivi, presentano costi piuttosto sensibili che tolgono l’opportunità di partecipazione ai bambini che provengono da famiglie che non hanno la capacità di sostenere questi costi.

Purtroppo per queste famiglie, loro malgrado, non restano che soluzioni di ripiego, l’affidamento dei figli a nonni e parenti o al limite ad amiche che si rendono disponibili per fornire un aiuto accudendo i bambini.

Per tutti questi bambini i benefici derivanti dalla possibilità di frequentare Centri sportivi estivi o anche semplicemente un centro estivi comune, sono preclusi.

Commenta l

SHARE
Amante dei libri e web editor per passione. Scrivo news e approfondimenti da l mondo dell'arredamento, salute e benessere. Per me la famiglia è la cosa più importante del mondo. Amo i gatti!