Luna di miele : torna di moda la meta lontana

La “Luna di Miele” ha seguito sempre le “mode”, da che mondo è mondo.

0
905

Ci fu il periodo in cui i neosposi andavano tutti a Venezia o Parigi. Poi venne il mito di Praga e dell’esotica Bali. Ci fu il tempo in cui era Sharm el Sheik il “must” per tutti.

Poi la crisi e il terrorismo hanno un po’ ridimensionato sogni e desideri di chi progettava la prima notte insieme da marito e moglie. Solo da un paio d’anni agli sposini sono tornate a spuntare “le ali” e si torna a puntare a mete lontane, oltreconfine.

Si è tornati, finalmente, a  viaggiare ed esplorare le meraviglie di tutto il mondo.

Per quanto riguarda l’anno appena trascorso, il 2017, il trend è stato: i Caraibi e la Repubblica Dominicana in inverno, in particolare su quest’ultima l’isola di Saona dove è stato girato “Laguna Blu”.

Le città come Parigi, New York e Tokyo hanno tenuto banco in primavera, per cedere il posto di nuovo a Bali, Tahiti, Papeete in estate.

La Scozia, il Madagascar e il Sud America sono le mete richieste per questo autunno mentre l’inverno ci introduce già le tendenze per il 2018.

A quanto pare il prossimo anno vedrà un ritorno prepotente del Sud Est asiatico: Thailandia, Cambogia, Malesia e ovviamente la intramontabile Bali.

Il perché di questo ritorno alle mete asiatiche si spiega con la voglia di godersi il viaggio in località tutto sommato al riparo dal terrorismo internazionale, ma anche caratterizzate da grande ospitalità e da un clima piacevole (le piogge ci sono ma sono concentrate spesso la sera e non sono fastidiose ma anzi rinfrescano un po’ l’aria).

Canzoni come “Bangkok” e le cronache legate al re appena deceduto hanno fatto conoscere al mondo la stupenda Thailandia che potrebbe essere perfino inflazionata dalle coppiette di sposi del 2018.

Ma come mai si torna a puntare a mete tanto lontane dall’Italia? Come detto, la ripresa dalla crisi ha incoraggiato molte persone a osare di più, nel campo dei viaggi, ma anche la scelta attenta di mete sicure ha fatto prediligere posti lontani purché non nelle mire dei fondamentalismi.

Magari una bomba mi può sorprendere a Barcellona, a New York, perfino a Sydney ma non nella selvaggia Cambogia oppure nelle isole Cook!

Un altro motivo della scelta di mete lontane e poco richieste è il costo assolutamente non proibitivo. Oggi sono molti i voli convenienti verso il Sud Est asiatico o verso le capitali meno turistiche del pianeta. Anche chi ha pochi mezzi può permettersi di andare nel Laos!

Infine c’è la nuova moda del “buddymoon”, ovvero condividere il viaggio di nozze con altre coppie di amici (“buddy”) neosposi o anche con gruppi di amici single. Si parte tutti insieme, ci si dividono le spese e si può così puntare anche su località dall’altro capo del mondo!

Una volta sul posto poi ognuno farà la propria vacanza, ognuno in camera propria nel privato … ma magari la sera a cena, o la mattina in piscina ci si ritrova e diverte tutti insieme.

Commenta l

SHARE