I Maneskin cambiano di nuovo il testo di Zitti e buoni (TESTO e VIDEO)

0
215
maneskin

I Maneskin collezionano, ormai, un successo dietro l’altro. Dal grande pubblico sono stati conosciuti durante il Festival di Sanremo, dove hanno trionfato con il brano Zitti e buoni. Ora, sono pronti per l’Eurovision Song contest.

L’Eurovision Song contest

L’Eurovision Song contest è un festival musicale internazionale nato nel 1956 dove anno vi partecipa anche il vincitore del Festival di Sanremo. Quest’anno, ad aggiudicarsi il Leone della città ligure sono stati i Maneskin, arrivati primi tra Fedez e Francesca Michielin e Ermal Meta.

Il gruppo composto da Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi e Ethan Torchio volerà, dunque verso l’Ahoy Rotterdam a Rotterdam, nei Paesi Bassi, il 18, 20 e 22 maggio 2021. Il brano che i 4 ragazzi venuti fuori nell’undicesima edizione di X Factor capitanati dal loro mentore Manuel Agnelli sarà modificato.

Le regole dell’Eurovision Song contest

Le regole dell’Eurovision Song contest parla chiaro. Ogni brano presentato in gara non deve superare i 180 secondi e nel testo non devono comparire parolacce. Dato che Zitti e buoni ne contiene e il brano supera la lunghezza massima i ragazzi hanno preferito cambiare il testo.

Nello specifico si tratta delle parte in cui Damiano canta: “Fuori gli attori. Vi conviene toccarvi i c*glioni. Vi conviene stare zitti e buoni”, che è diventata “E buonasera, signore e signori. Fuori gli attori. Vi conviene non fare più errori. Vi conviene stare zitti e buoni”. E, invece, “Parla, la gente purtroppo parla. Non sa di che c*zzo parla” è diventata “Parla, la gente purtroppo parla. Non sa di che cosa parla”.

In basso è riportato il brano originale della band, che dà anche il titolo all’album già diventato disco d’oro e il video clip originale che ha totalizzato quasi 13.870.000 visualizzazioni e conta sul canale a loro dedicato 634.000 iscritti.

Il testo originale di Zitti e buoni

Loro non sanno di che parlo
Voi siete sporchi, fra’, di fango
Giallo di siga’ fra le dita
Lo con la siga’ camminando
Scusami ma ci credo tanto
Che posso fare questo salto
Anche se la strada è in salita
Per questo ora mi sto allenando
E buonasera signore e signori
Fuori gli attori
Vi conviene toccarvi i coglioni
Vi conviene stare zitti e buoni
Qui la gente è strana tipo spacciatori
Troppe notti stavo chiuso fuori
Mo’ li prendo a calci ‘sti portoni
Sguardo in alto tipo scalatori
Quindi scusa mamma se sto sempre fuori, ma
Sono fuori di testa ma diverso da loro
E tu sei fuori di testa ma diversa da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Io
Ho scritto pagine e pagine
Ho visto sale poi lacrime
Questi uomini in macchina
Non scalare le rapide
Scritto sopra una lapide
In casa mia non c’è Dio
Ma se trovi il senso del tempo
Risalirai dal tuo oblio
E non c’è vento che fermi
La naturale potenza
Dal punto giusto di vista
Del vento senti l’ebrezza
Con ali in cera alla schiena
Ricercherò quell’altezza
Se vuoi fermarmi ritenta
Prova a tagliarmi la testa
Perché
Sono fuori di testa ma diverso da loro
E tu sei fuori di testa ma diversa da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Parla la gente purtroppo
Parla non sa di che cosa parla
Tu portami dove sto a galla
Che qui mi manca l’aria
Parla la gente purtroppo
Parla non sa di che cosa parla
Tu portami dove sto a galla
Che qui mi manca l’aria
Parla la gente purtroppo
Parla non sa di che cazzo parla
Tu portami dove sto a galla
Che qui mi manca l’aria
Ma sono fuori di testa ma diverso da loro
E tu sei fuori di testa ma diversa da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Noi siamo diversi da loro

SHARE